lunedì 22 gennaio 2007

Ich komme Berlin!

All'inizio c'era una curiosità che andava soddisfatta nella mia testa. Nel cuore. Ad est volevo andare a vedere.
Poi c'è stato un incrocio a tre strade, neanche tanto trafficate a dir la verità; una era quella da cui venivo io; un'altra portava a "Trenta", così c'era scritto nel cartello; sul cartello che indicava la terza strada c'era scritto, a caratteri luminosi, lampeggianti, con chiarezza:"Lavori in corso".
Poi l'incrocio, manco a dirlo è diventato una rotatoria ed ho scoperto che potevo anche tornare indietro.
Poi c'è stato che mi sono messo a girare intorno alla rotatoria.
Poi ho finito la benzina.
Allora un giorno ho detto a tutti quelli che mi conoscono:- Affebbraio vado a Berlino!-
.
.
Poi ho cominciato a studiare il "tedesco senza sforzo" ed ho scoperto che quelleparolelunghissimeintedesco altro non sono che parole composte.
Nel frattempo un amico mi ha detto che le case a Berlino costano meno che ad Ancona(!).
Poi volevo andare a Berlino in treno. Ancona-Berlin Ostbahnhof via Munchen.
Invece a Berlin Ostbahnhof è arrivato Kirill ed ho pensato "il popolo tedesco è uno dei popoli più sensibili ai problemi dell'inquinamento e Kirill questo lo sapeva! E non ci sono terroristi a Berlino!"
.
.
( )( )( )

4 commenti:

paparazza ha detto...

Anche berlino può essere pericolosa...dipende molto da te però....

Conrad ha detto...

"...e vai per la tua stradaaa
senza pauraaa..."

dice la canzone

giù_down ha detto...

ti invidio. io il tedesco non riesco a studiarlo e non posso andarci a berlino. ma mi prometti una boccetta di aria straniera? e io proverò a non invidiarti più. :)

Conrad ha detto...

ok giù_down, spero anch'io di trovarne, una dama da 5 litri magari!